mercoledì 27 marzo 2013

canzone per lena



il rischio delle informazioni nella mente è un attentato all'evoluzione le musiche che restano hanno un circolo e una ricorrenza. questo è troppo

i. chi si conosce veramente

quei biglietti da visita nel portafogli - li contattate tutti? la macchina è imperscrutabile. si crede che lo stato ultimo dell'ascolto sia il parlato, sembra sincera, un figurino facile da gestire e riprodurre è che infuriano crescono in centro, sarà destino, potrebbe essere utile se si conoscesse anche un po' la causa, ed era tanta la passione tanto il conflitto, ma ora la trama: se fosse vero sentimento e se fosse suo padre. è vero, non è quel che ha scritto, ma come l'ha detto. preoccupa piuttosto la confusione le tesi aeree del perdono. secondo il rispetto che si deve non essere una cosa o quell'altra, soprattutto se non consentita, alza un po', io ti rispetto e ti prego di perdonarmi. grazie. 5-6 giorni di coma ascoltando conte, ma ha continuato, sveglio in qualche modo ci attraversava con passi sconosciuti. misterioso il percorso. continuerà anche dopo il ritorno iniziando a recuperare cortesemente evocando l'esperienza il costrutto. stantemente: ripetuto più volte, l'oltreterreno da sotto i piedi

ii. temi verificati durante la permanenza

il retro-coma o ur-coma è quello riferito profondamente al cuore di ciò che è avvertito. stato temporaneo non concluso come quando ti arrabbi ah sì, ha riferito del contenuto: vorrebbe lasciare i nudi da parte per l'industria - si noti l'incoerenza

iii. come desiderare (i miss you so muck)

sui cosiddetti "penso di andare". maestri di schiavitù, procediamo dove pare più chiaro. davvero ormai è chiaro ecc. in questo momento, confusi da ciò che è considerato male: giudichiamo dal pezzo. fin dall'inizio sacrificati al recupero. over  

iii. corse

il farmaco fa il suo giro diminuisce agli occhi alle ossa la pelle ancora si vede ma nera come il lavoro, in piena estate, la casa sulla spiaggia. onestamente, non fermate le lacrime. la sedazione perfetta è nel tempo che vive. dopo questa immagine cambia il canale l'infermiera l'intera corsia, il rosso alemanno agita la mano la vede subito scomparire, così presto, senza alcunché di simile trovato nei risorti. il bene, se non una soluzione, riduce i dispersi - o così si crede. il numero dei dispositivi per l'infusione passava come passava il sole. cercano di ottenere l'attenzione del traduttore

iv. incontro col pittore

trasferito il dispositivo per lo spostamento, s'era pure pensato di scollegare citera l'imbarco il cratere d'umido nel bagno la tristezza dei danni e dell'accerchiamento. anni in cui si stava grandemente più di quanto ci si potesse aspettare. terminato senza rinunciare, tutto è nella forma: la velocità della fisica o qualcosa del genere ... ma, tormentati dai giorni e dalle notti, depositano l'unica realtà ed è brutto che sfiorisca, nemmeno a finire il tumulo. riviste nei volteggi: voi non siete soli





lunedì 25 marzo 2013

diarylogies

compostxt: diarylogies: operazioni di lettering dalle immagini a niente,basti un paragrafo,una stringa o nastro grafico che dir si voglia se si vuole  qualcosa...











domenica 24 marzo 2013

storytellers,link

sought image,frizzi e lazzi,graffiti a oltranza

lunedì 18 marzo 2013

EX.IT _ dal 12 al 14 aprile ad Albinea (Reggio Emilia)

      

EX.IT - Materiali fuori contesto

      
Biblioteca Comunale “Pablo Neruda” 
Albinea* (Reggio Emilia), 
12–14 aprile 2013

scrittura, video e musica 
reading, proiezioni audiovideo 
e performance sonore

in tre giornate di incontri ideati e curati da

Marco Giovenale, Mariangela Guatteri, Giulio Marzaioli, Michele Zaffarano

Partecipano:

Rosaire Appel (usa), Marco Ariano (ita), Daniele Bellomi (ita), Charles Bernstein (usa), Pietro D’Agostino (ita), Rachel Blau DuPlessis (usa), Gherardo Bortolotti (ita), Alessandro Broggi (ita), Roberto Cavallera (ita), Riccardo Cavallo (ita), Fiammetta Cirilli (ita), Elisa Davoglio (ita), Alessandro De Francesco (ita), Florinda Fusco (ita), Marco Giovenale (ita), Jean-Marie Gleize (fra), Mariangela Guatteri (ita), Andrea Inglese (ita), Giulio Marzaioli (ita), Simona Menicocci (ita), Rosa Menkman (nl), Manuel Micaletto (ita), Bob Perelman (usa), Nathalie Quintane (fra), Andrea Raos (ita), Jennifer Scappettone (usa), Luigi Severi (ita), Ron Silliman (usa), Éric Suchère (fra), Miron Tee (pl), Fabio Teti (ita), Luca Venitucci (ita), Michele Zaffarano (ita)


* Albinea è comune decentrato rispetto alle direttrici e ai crocevia canonici del sistema culturale. Il progetto EX.IT sceglie di costituire una propria dimensione di  luogo-ambiente ancorata sulla buona qualità dei rapporti tra universo individuale e universo sociale. EX.IT è patrocinato dal Comune di Albinea che supporta l’iniziativa mettendo a disposizione lo spazio eco-sostenibile e le tecnologie della Biblioteca “Pablo Neruda” (Premio Innovazione Amica dell’Ambiente 2012. Legambiente e Confindustria), oltre al proprio ufficio stampa.






mappa ipermediale per raggiungere EX.IT e soggiornare ad Albinea: http://goo.gl/maps/gu6uD

§

un blog:

§
EX.IT
  • una serie di incontri e di reading che coinvolgerà diversi autori italiani e stranieri
  • una sequenza di letture e di installazioni verbovisive, con l’intervento di videoartisti e musicisti
  • un primo momento di confronto collettivo tra percorsi già in dialogo e la proposta di un panorama di riferimento per lettori e ascoltatori che potranno trovare, per la prima volta all’interno dello stesso tempo e luogo, materiali testuali e artistici non identificati (definibili: di ricerca)
Un volume antologico – edito dalla Tipografia La Colornese – con testi e immagini inediti – offrirà un percorso di lettura, visione e documentazione dei materiali ospitati dall’evento. 

La Biblioteca di Albinea predisporrà inoltre, a partire proprio da questa iniziativa, il fondo librario EX.IT, dedicato ad alcune linee della recente scrittura di ricerca, italiane e non. _  

   

giovedì 14 marzo 2013

transcriptiones,asemic stuff on mary p.

avrora


by randomindexer







come tentare la corda. di recente, ma voglio dire tanto tanto tempo fa, la corda aveva anche un nodo. per la riabilitazione breve ti mandano lì a stare al fine di recuperare il senso. il resto è un mistero. per esempio cosa c'è. corda o muscolo. il corpo ha una certa quantità di peso che non si ricorda, difatti si nota solo in alcuni punti. possibilità di rosso per l'80%. o problemi di capacità virale come dismessi e ripresi più volte dall'ultimo posto al primo. questa cosa della tecnica: imparate bene siate fluidi. esoterismo per tutti: M (__) m dio M ue anche sentire (ride) i progressi un po' così diventano leggeri a prima vista in termini di sentire ... seconda parte. era stato tutto deciso prima del collasso. temporaneo rispetto al riflesso. figurati son state apparenze dubbi ...... ora cosa mandano, forse dettagli dell'evento, sono descritti di seguito, vedi, e si arriva con relativa facilità. altri segni misteriosi: (゚∀゚) (si prega di venire nella salvietta). arrivare ad essere sempre pronti in anticipo sul momento grazie al clima del teaser l'allineamento
_____________________________________________________________________________________

_____text+image+asemic________________________________________________________________________________

martedì 12 marzo 2013

burlington



vendono quel che detestano ciondolano tra gli ospiti quelli disponibili - sopra ne trovano altri aspirano al centro non durano - conta molto la circolazione del freddo e del caldo tempera calamità - ecco crescono per indole ribelle dormono in dieci nello spazio di una notte. alla fine, perché una fine c'è sempre, otterranno un aspetto insistente, mostrati in quanto e per come esattamente secondo la massa. è che si vedono troppo diversi, braccia molto più lunghe, polsi più corti si tengono per mano stabilendo eterne alleanze. aperta la seconda ammiccano con fraterna sicurezza a una certa affezione preparano fuochi scaldano vini. calamaio, pelle d'oca e sensazione di solletico sì tutto un oscurare allentare cose crescono a vista e ti siedono accanto dal mondo parte uno spettro. sbuffi di talco cedono un po' sui fianchi, state indietro guardate che slancio. chi godeva di quella primavera







mercoledì 6 marzo 2013

asemic draft con link imperdibile

sabato 2 marzo 2013

graffiti ad oltranza